7.28.2011

I cinesi vendono e i napoletani pure

Mi è stata raccontata una cosa, di cui però non ho la certezza, perciò ve la racconto così come mi è stata raccontata.
Pare che, nonostante lo sdegno di chi ha la puzza sotto il naso, i negozietti d'abbigliamento dei cinesi vendano a ritmo spedito. Circolano leggende metropolitane insulse sul fatto che gli abiti facciano venire ogni sorta di allergia e malattia e che i suddetti non paghino le tasse normalmente, ma posso garantirvi che la prima è una boiata pazzesca, io vesto solo cinese e non sono ancora morta, e la seconda è una stronzata bella e buona, mi sorella, che lavora alla Confcommercio, continua a ribadirmi che pagano esattamente le stesse tasse dei negozi italiani.
Siccome la crisi c'è, e si sente, si fa di tutto per raccimolare un pò di soldi qui e là, e chi meglio dei napoletani possono dare questo esempio? I napoletani sono geniali ed io li amo per questo, non si fermano a piangersi addosso, le escogitano tutte per poter risalire dai buchi di merda in cui la popolazione si caccia. Bè, che cosa hanno pensato di fare questi fantastici "imprenditori"? Hanno deciso che se i cinesi riuscivano a vendere avrebbero venduto anche loro, come? Facile, producendo abiti, schiaffandoci sopra la targhetta "made in china" e abbassando ulteriormente il prezzo. Sì, avete capito benissimo! Imitano i cinesi che a loro volta imitano gli italiani: l'imitazione dell'imitazione.
Ma come si fa a dire che i napoletani non sono geniali? Per me sono dei miti.

NAPOLI SEI GRANDE!

4 commenti:

  1. Ahahahahah, bellissima questa! Sono anche io di Bari ed in effetti ad ogni angolo ci sono negozietti cinesi, ma che i napoletani copiassero le cose da loro.... è incredibile! Sto ancora ridendo per la loro genialata.. ahahahahaha!

    RispondiElimina
  2. Quando mi hanno raccontato questa cosa stavo morendo! XD

    RispondiElimina
  3. Sapete come fece un "accattone dei semafori" a far quattrini? Sul foglietto che ostentava ai finestrini degli automobilisti aveva scritto:
    "SONO MAROCCHINO, VOGLIO TORNARMENE A CASA MIA!" E tutti gli lasciavano una lauta elemosina cosicché il disgraziato potesse comprarsi un biglietto di sola andata il più presto possibile.
    Ovviamente col cazzo che era marocchino! Era di Torre Annunziata!!! BWAHAAHAAHAA!!!!

    RispondiElimina
  4. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAA

    RispondiElimina