5.30.2012

Il gioco della patata bollente



Ed ecco che la terra trema di nuovo, seminando panico, tormento, morte e discordia.
Un sisma ha colpito ancora il nostro Paese e non nego d’essere in apprensione per alcune persone che stimo e che abitano da quelle parti. Non si può fare a meno di pensare al panico che stanno vivendo le persone di quelle zone, allo sgomento e alla rabbia che provano. Com’è ovvio che sia sto seguendo la faccenda in TV e non ho potuto fare a meno di notare che il problema maggiore per i giornalisti sono “i danni ai beni culturali” e “il gioco delle colpe”. Si, il gioco delle colpe, come al solito in questi momenti si gioca alla patata bollente delle colpe: è colpa dei costruttori, è colpa delle istituzioni, è colpa degli allarmi mancati, è colpa, è colpa. Mi domando il perché, porca di quella vacca, si debba sempre dare la caccia ad un responsabile, ad uno qualunque con cui prendersela. E le strutture non erano adeguate, e le costruzioni nuove sono crollate, e le costruzioni vecchie sono crollate… Ma porca puttana gente, stiamo parlando di un terremoto! Io sono del parere che se si costruiscono degli stabili nuovi, questi debbano essere non a norma, di più. Devono essere costruiti a regola d’arte così come impongono le leggi, ma siamo chiari e sinceri una volta per tutte e piantiamola con questi luoghi comuni: un terremoto, per quanto prevedibile e prevenibile possa essere, è sempre una cosa inaspettata e devastante se ci si mette. Pensate allo tsunami in Giappone, quelli erano pronti a qualunque eventualità, eppure la forza della natura li ha messi ko lo stesso.
Cercatelo pure un colpevole se volete, ma se davvero vogliamo essere puntigliosi il vero colpevole è il terremoto. Prendetevela con il vostro Padre Eterno allora, con il vostro Dio personale se credete, ma l’essere umano è quello che è: una creatura ancora soggetta alle forza della natura. Piantiamola di pensare, anzi, di credere, di poterle controllare.


5 commenti:

  1. Cara Maddy, grazie per l'attenzione che hai prestato agli eventi che stanno riguardando l'Emilia....
    Siamo disorientati, impauriti, angiosciati per un futuro che ci appare sempre più incerto. Abbiamo bisogno di voi..della persone che con sensibilità e cura si avvicina a noi ed a ciò che ci sta accadendo. Morena

    RispondiElimina
  2. Non ho ancora parlato del terremoto sul mio blog e non so se lo farò. Sono fenomeni di estrema potenza naturale che sono sempre esistiti, sempre esisteranno e l'uomo è sopra questa terra che si muove, ma è di passaggio, come un pidocchio sul groppone di un cane.
    I movimenti tellurici avvengono perché la Terra è una cosa viva e poca influenza hanno i modi feroci con cui la trattiamo, sebbene qualcosa influisca. Più che altro stiamo avvelenando l'aria che respiriamo, deforestiamo, impatacchiamo col cemento e son convinta che queste azioni non si limitano a provocare un rifiuto terrestre nei nostri confronti solo in supeficie, ma anche sottoterra. Però in misura esigua.
    Per il resto non puoi chiedere ad un essere vivo di starsene fermo e così nemmeno la Terra sta ferma.
    Dare la colpa alle istituzioni, alle ditte edili, alla mafia, a dio, è solo manifestazione di ulteriore imbecillità.
    ... Ma si sa, la maggior parte degli uomini sono imbecilli ^^...
    Costruiremo (bene o male, non fa differenza) e la Terra farà crollare tutto ad ogni suo spostamento, è una legge naturale. Se non ci sta bene possiamo anche andarcene (Vorrei vedere dove!).
    E' dura da accettare, ma qui l'ultima parola sarà sempre della Terra.

    RispondiElimina
  3. More, sei tu vero? Sei la prima a cui ho pensato quando ho saputo. Da me, ma credo da tutti gli italiani, avrete sempre sostegno e aiuto così com'è stato per l'Aquila. Io faccio quello che posso, così come ho fatto in passato. Aspettiamo da sapere in che altro modo aiutarvi, oltre alle beneficenze. Attualmente sono disoccupata, non posso donare moltissimo ma farò quel che potrò, come ho sempre fatto.

    Shee, come al solito io e te la pensiamo allo stesso modo e ne sono contenta.

    RispondiElimina
  4. i terremoti purtroppo non si possono prevedere in nessun modo, a meno che, a pochi secondi dall'inizio delle scosse, ci sia un sismografo vicino all'epicentro, che di certo è impossibile da individuare. personalmente mi fanno ridere questi presunti "esperti" che devono sempre dare la colpa a qualcosa per scrollarsi le colpe, o presunte tali, che gli vengono imputate. così come rispetto coloro che danno la colpa a qualcuno/qualcosa come sfogo personale. in fondo, se non gli rimane più nulla, in qualche modo dovranno pur sfogarsi...

    RispondiElimina
  5. Scusa Maddy....sono anni che mi conosci come MoRe...effettivamente in RP credo di non aver mai scritto il mio nome per esteso!! Grazie di cuore per tutto...indipndentemente dal lato economico e la solidarietà e il calore umano che ci aiutano a sentirci più forti..

    RispondiElimina