11.19.2012

Credo che...



Credo che ancora troppa poca gente confidi nella redenzione umana nei confronti di Madre Terra e credo che ci sia ancora troppa poca gente che crede e cerca veramente di aiutarla. Devo ammettere che vedere gente gettare fazzolettini dai finestrini delle auto in corsa mi fa davvero schifo, ma ancora di più mi fanno schifo quelle persone che denunciano i tentativi degli altri di sensibilizzare. C’è davvero, davvero tanta gente ancora che quando sente la parola “ecologia” alza gli occhi al cielo, sbuffa e accusa chi ne sta parlando di monotonia o superficialità. La cosa mi sciocca alquanto e credo che nessuno di voi possa capire quanto sia infastidita dal fatto che questa gente incivile e bigotta insulti, imbratti e non rispetti il mio dio, anzi, quello che dovrebbe essere il dio di tutti noi. Se siete tra queste persone sappiate fin da ora che mi fate schifo e pena.


Credo che il nostro corpo sia un santuario e per imparare a rispettarlo bisogna prima rispettare quello che ci circonda. Personalmente il mio cammino si è diviso in piccole ma significative fasi:
- dove sono e cosa ci faccio qui?
- chi o cosa è il posto in cui mi trovo e qual è il suo ruolo nel Tutto?
- che cos’è il Tutto?
- che cosa sono io nei confronti del Tutto?
- coma posso onorare il Tutto che mi circonda?
- come posso onorare il Tutto che mi compone?
- come posso comprendere e accettare il Tutto che compone gli altri?
Questi semplici passi mi hanno permesso di vedere il mondo, l’universo e la vita per ciò che realmente è, mi hanno permesso di imparare a rispettare gli altri e ciò che mi circonda e mi hanno aiutata a trovare il mio posto nel Tutto… dopo ho cominciato a lavorare su me stessa.

Credo che davvero troppa gente sia convinta di aver raggiunto la sua essenza, ma non si rende conto d’aver raggiunto solo uno stato di menefreghismo totale nei confronti di se stessi e degli altri, per questo il loro massimo scopo della vita può essere racchiuso in queste categorie:
- procurare piacere a se stessi, senza curarsi degli effetti sugli altri
- procurare piacere solo agli altri, senza curarsi degli effetti su se stessi
- credersi gentili e disponibili e poi disprezzare le persone verso cui si rendono tali
- essere maleducati e insensibili verso il prossimo, credendo di dimostrare forza e indipendenza senza capire che in realtà mostrano solo la loro ignoranza e insensibilità e null’altro.

Credo che troppi esseri umani abbiano perduto per sempre la loro essenza di esseri umani e credo che si divertano a comportarsi male con altri solo perché sono inconsciamente frustrati per aver perduto quell’essenza.

Credo che a troppa gente ormai piaccia respirare, mangiare e bere asfalto, anche se affermano il contrario.

Credo finalmente di piacermi per ciò che sono e per ciò che penso e credo di aver raggiunto il mio massimo in fatto di spiritualità e mentalità, ora non mi resta che dare vita alla vita e avrò raggiunto il mio Nirvana.

Credo che sognare sia gratuito e che il sogno di vedere gli uomini che rispettano finalmente Madre Terra mi sia concesso, ma sono convinta che per me resterà sempre solo un sogno.

Credo che troppa gente sia catastrofista ogni oltre immaginazione… ed io li odio i catastrofisti. Saltano su dalla sedia per una pioggia troppo forte, per un caldo o un freddo fuori dalla norma, stanno sempre lì a controllare che non ci sia un complotto mondiale dietro le nuvole in cielo, pensano subito al peggio quando si parla di clima, ho sentito addirittura assicurare che sono stati gli uomini a far estinguere i dinosauri. FERMI!!! Rilassatevi, respirate! Madre Terra è viva, che pretendete che se ne stia ferma ed immobile per sempre? Eppure la storia avrebbe dovuto insegnarci il contrario, ma gli uomini stanno progredendo o retrocedendo? Come in tutte le cose ci vuole equilibrio.

L’Yin e Yang resteranno per sempre la mia unica regola di vita e di pensiero.

7 commenti:

  1. Stimolante la faccenda del Tutto, solo che a volte il ricercarlo a tutti i costi sconfina nel Troppo...

    RispondiElimina
  2. Ovvio, come in tutte le cose il troppo stroppia, però se ti sai equilibrare cambia completamente la prospettiva della tua vita.

    RispondiElimina
  3. Adoro questo post, ogni singola cosa che hai scritto la scriverei anch'io. A parte il fatto che sono una che ricicla spasmodicamente, amo l'ecologia, amo prendermi cura del mio mondo fin dai piccoli gesti come la raccolta differenziata (anche se molte volte ancora non so cosa va dove e devo sempre chiedere a mamma).
    Arrivare ad un pensiero come il tuo, il nostro, dell'essenza dell'uomo, del rispettare se stessi e gli altri a non tutti interessa purtroppo. Poi le persone vanno dagli analisti, analisti che la maggior parte delle volte dicono cazzate, è un circolo vizioso. Eppure tutti i nostri "problemi" come li chiamiamo noi, sarebbero risolvibilissimi facendo lo sforzo di trovare la nostra essenza più pura e prendendoci cura del mondo che ci sta attorno, dovremmo imparare dagli animali in questo, dopotutto lo siamo anche noi ma troppe volte ce lo dimentichiamo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere sapere che c'è qualcuno che la pensa come me... è una cosa che ti fa sentire, ecco, meno solo. :)

      Elimina
    2. Per fortuna c'è molta gente che la pensa così... anzi, credo ce ne sia sempre di più! ...ma non ancora abbastanza!
      Però si può sempre migliorare ^_^

      Elimina
  4. Ci sono arrivata per caso, ma il tuo post mi ha affascinato. La natura, tutto il creato é degno di ogni nostra cura, del nostro amore. Noi siamo soltanto amministratori di quanto ci é stato donato, e dobbiamo prenderci cura anche degli altri. Mi ha colpito tanto il "procurarsi piacere". Il mondo é schiavo del piacere, lamore é esattamente il contrario, il donare se stesso affinché gli altri, tutto ciò che ci circonda e ci ospita ne abbia dei benefici. Grazie, davvero, per questa testimonianza e a presto.

    RispondiElimina
  5. Grazie a te per essere passata e aver lasciato il tuo commento!

    RispondiElimina