11.28.2013

L'italiano medio è maleducato

Non c’è un nome per ha un'avversione per l’umanità intera? Insomma c’è il termine omofobia per chi ha l'avversione per l'omosessualità, l'antisemitismo per chi detesta gli ebrei, ma mi domando se esista un termine per definire anche chi odia l’umanità intera, se c’è io non lo conosco, ma sono sicura d’esserne affetta.


Da quando faccio la consulente telefonica ho avuto un lento e progressivo distacco verso il resto dell’umanità. Odio tutti. Mi rendo conto sempre più spesso di cadere nel pregiudizio e di non voler assolutamente dare il beneficio del dubbio, cosa di cui non ero assolutamente capace fino a due anni fa e la cosa mi genera un forte imbarazzo. Insomma, ho imparato a pormi anticipatamente in uno stato d’animo a seconda della persona che chiama. Se sento una donna della mia età, già penso che è una rompipalle puntigliosa, buona solo a sbandierare i propri diritti ma attenta a non vedere i propri doveri. Un uomo della mia età per me cade nella categoria di una persona pesante che non sa vedere la verità dei fatti, ma che guarda solo alle proprie convinzioni. La ciliegina sulla torta la hanno le donne intorno ai cinquant’anni, che ai miei occhi diventano magicamente logorroiche, pesanti ed ignoranti, gli uomini della stessa età invece sono solo ignoranti che sanno vedere solo le proprie ragioni. Ma il must sono gli anziani, che siano uomini o donne ricadono indistintamente nella cerchia dei maleducati, logorroici, che pensano che tutto gli sia dovuto e che si possono prendere il lusso, dato che sono consumatori, di poter dare gratuitamente del cretino a chiunque.


Per non parlare poi dell’aspetto “zona”. A seconda degli accenti mi pongo in diversi stati d’animo. Nord: sono quelli che tu stai lì per lavorare e non lavori, solo loro lavorano sulla faccia della terra, il resto del mondo sono scansafatiche succhia-stipendi e pertanto si sentono in dovere di parlarti con saccenza; Centro: gli spara-balle. Ne raccontano di tutti i colori, dalle cazzate più insignificanti a persone che si spacciano (perché credetemi, lo fanno) per malati terminali. In questa fascia ne ricadono di varie tipologie, chi sostiene di pagare regolarmente ed invece non è vero, chi invia dimostrati pagamenti palesemente falsi sperando che l’intero genere umano abbia perso il cervello dalle orecchie, chi sostiene di avere famiglia, parenti lontani, amici, vicini di casa ed animali domestici in fin di vita tutti sulle sue spalle e chi crede che i debiti si possano saldare magicamente da soli se per un po’ di tempo vengono dimenticati; Sud: qui ci sono i casi gravi, quelli dalla tragedia facile, dall’irascibilità comoda e dal “si metta il cuore in mano e aggiri le leggi per me che sono l’unico caso disperato al mondo”. Non serve a nulla pregare gli altri, le leggi sono leggi per tutti e non è che perché voi avete un problema le leggi si possano plasmare a vostro comodo. Se c’è un regolamento va rispettato e non serve a niente pregare un consulente telefonico che per l’azienda è solo una formica che non vale niente.
Quando apro la telefonata, e ne ricevo diverse decine all’ora, il mio cervello seleziona in automatico l’età e la zona d’origine dell’interlocutore ed in automatico si pone nello stato d’odio definito per quella tipologia. Sto diventando pazza. Io cerco e sono gentile al telefono, credetemi, ma c’è gente che ti fa sbarellare e lo fa gratuitamente. Credete che dall’altra parte della cornetta ci sia una persona su cui sfogare gratuitamente i vostri problemi? Da prendere a parolacce per il vostro comodo? Dall’altra parte c’è un lavoratore, che sente casi su casi di clienti che lo vogliono infinocchiare per avere il vantaggio di non pagare ciò che devono, e questa persona, che con garbo cerca di evadere la vostra richiesta, deve tenere gli occhi bene aperti perché se si fa infinocchiare dai tanti “furboni” che ci sono in giro, rischia il posto di lavoro. Inoltre, la persona che vi risponde, ha dei tempi ristrettissimi da rispettare, una chiamata media deve durare 4 minuti e mezzo, tempo nel quale deve ascoltare la vostra richiesta, pensare a come risolverla al meglio ed agire e la cosa più odiosa che un cliente possa fare a fine di tutto ciò è dire “signorina, un’altra cosa” e poi ancora “un’altra cosa” e “ancora una cosa”. Ancora una cosa un paio di coglioni! Quel vostro “ancora una cosa” mi costa il posto di lavoro! 


Ovvio che si sta parlando di casi patologici, e per fortuna non tutti quelli che chiamano sono come le persone che vi ho citato, ma si tratta di poche mosche bianche. L'italiano medio è maleducato, non c'è nulla da fare. Poi non lamentatevi se dall’altra parte trovate gente insofferente che dopo un po’ si rompe di stare a sentire le vostre chiacchiere, voi non avete alcun rispetto quando vi approfittate di un consulente che cerca di fare il proprio lavoro, non avete alcun rispetto quando vi mettete a strillare al telefono, non avete alcun rispetto voi per primi perché se date rispetto ne ricevete, ma se dall’altra parte trovare un consulente irrispettoso sappiate che i primi ad esserlo stato siete stati voi. Un consulente non si sveglia al mattino deciso a rompervi i coglioni, voi invece si perché siete voi stessi a chiamare i numeri verdi, che se fossero a pagamento ci pensereste due volte ad essere così maleducati. Perciò abbiate rispetto per ci vi risponde al telefono perché non avete neanche idea di cosa voglia dire starvi a sentire, ed è grazie alle vostre menate che gente come me, che ama la vita, arriva al punto di sentire di stare impazzendo. Ecco perché penso di odiare tutto il mondo, è il lavoro che faccio che mi sta facendo diventare pazza.

Lo sapete che faccio quando finisco di lavorare? Sto zitta. Per ore. Perché non voglio sentire la voce di un solo essere umano e se disgraziatamente dovessi sentirlo e rovinasse il momento di pausa, può stare certo che su di lui riverserò tutta la collera accumulata verso l’intero genere umano.

N.B.: E ieri, per la prima volta, ho fatto la mia prima segnalazione per un cliente maleducato il quale, nonostante gli abbia risolto il problema, mi ha riempita di parolacce. Perché, pensate di non poter essere segnalati anche voi?

9 commenti:

  1. Il termine esiste, si chiama misantropia e tutti quelli che lavorano ogni giorno a contatto con le persone prima o poi ne vengono colpiti (o almeno il 90%). Io stessa, che di solito mi piace stare in mezzo alle persone, lo divento dopo ogni stagione di lavoro (addiritura questt'anno dopo un mese!). Il perchè non so se esiste, forse perchè siamo tutti diversi, perchè non tutti siamo compatibili, perchè c'è chi usa di più la testa e chi invece se ne frega, e quindi inevitabilmente inizi a provare un vero e proprio odio verso le persone, la gente che incontri ogni giorno (ovviamente gente che non conosci).

    Mia cara Maddy, quando dicevo queste cose qualche anno fa venivo presa per razzista e intollerante, ma io vorrei mettere queste persone a lavorare a contatto con chi non capisce una benenamata fava o ti stressa senza ritegno. NOn mi piace essere così, ma a volte è difficile evitarlo, io per esempio pur conoscendo splendide persone di Napoli (vedi Dona) appena arriva un napoletano in ufficio parto già prevenuta, anche se poi magari si dimostra gentile; questo perchè in passato ho avuto più brutte che belle esperienze con loro. E ripeto non mi piace essere così, ma a volte lo sono in maniera involontaria. Ma si fa quel che si può :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai pienamente ragione. Il fatto è che non vorresti essere così ma lo fai inconsciamente, senza rendertene conto. E' davvero una sensazione che mi fa sentire fuori posto perché penso che se lo facessero con me mi arrabbierei molto.
      C'è anche da dire che quando ho scritto questo intervento ero molto frustrata perché una signora, molto maleducata, mi ha trattenuta per 20 minuti oltre l'orario lavorativo (che non sono retribuiti, ci tengo a precisarlo) e nonostante le abbia risolto il problema ha voluto la mia matricola dicendo che avrebbe inviato un reclamo all'azienda e mi avrebbe citata. Cioè, maleducazione pura e semplice e senza ritegno! Come fai a non odiare la razza umana?

      Elimina
    2. ci sono sempre dei casi particolarei, esagerati in tutto e per tutto nonostante tu cerchi di aiutarli o comunque cerchi di venirgli incontro. Molte volte al lavoro le persone prendono il mio nome che ho esposto sul cartellino e poi vanno in direzione a lamentarsi o mandano email, ma se io so di aver fatto bene il mio lavoro o aver dato le risposte che dovevo dare, non mi sento in colpa e non faccio prendere da paure o ansie. Certa gente è talemente frustrata che deve sfogarsi sugli altri per sentirsi bene, senza magari fermarsi un attimo a pensare che stanno stressando una persona che non ne ha colpa o non c'entra nulla. Io ho imparato a dare poca importanza a questi episodi, vado avanti con il mio lavoro e tanti saluti, è molto meglio piuttosto che farsi venire un fegato enorme, bruciori di stomaco e odio verso persone che ti trattano male e non sanno nemmeno chi sei. E pensa che noi ci vedono in faccia, potrebbero anche aspettarci fuori dal lavoro, certi psicopatici l'hanno fatto. Se tu lavori a contatto con le persone, è difficile che poi possano capitare queste cose anche a te, perchè tu ci sei dentro, tu sai come funziona e tu non ti comporteresti mai come certi maleducati ;)

      Elimina
    3. Sai leggere i tuoi commenti mi fa stare meglio. Insomma non mi fa sentire l'unica che ha queste reazioni... e comunque c'é davvero tanta gente frustrata in giro e tu hai pienamente ragione, é inutile prendersela tanto. Grazie mille. :*

      Elimina
    4. mi fa piacere maddy! come si suol dire, mal comune mezzo gaudio! ;)

      Elimina
  2. E tu pensa quando sei tu a chiamare...
    Lavoravo per un call-center e non ti dico.. i vecchietti restano sempre i peggiori.
    Ora lavoro in un negozio e la situazione non è molto cambiata.
    Per fortuna, ogni tanto, qualche mosca bianca si vede e ti fa stare bene :)

    RispondiElimina
  3. Oddio, che lavoro triste stai facendo, sorella cara. Ti auguro di poterti staccare al più presto, prima che insieme alla misantropia (credo si chiami così la "malattia" di cui stai soffrendo) sopraggiungano altre cose. Q_Q

    RispondiElimina