1.27.2014

Sogni con la morale

Questa notte ho fatto un sogno bizzarro.


Ero nel mio quartiere e tornavo a casa con Tiz passando di fronte alla chiesa di Don Pasquale, quando ad un certo punto, dal centro anziani della chiesa stessa, sento L’ombelico del mondo di Jovanotti e riconosco che la versione è quella cantata al concerto di Beckup.
«Guarda» dico a Tiz «anche ai vecchietti piace Lorenzo». Poi però mi accorgo che nella versione c’è qualcosa che non va, non è proprio come quella del concerto (che, ci tengo a precisare, conosco a memoria).
«Mi sa che non stanno ascoltando un CD, ma c’è qualcuno che la sta proprio cantando» mi fa notare Tiz.
Curiosi allora ci affacciamo sul retro che della struttura che da sul cortile della scuola materna che ho frequentato da bambina e che è sempre di proprietà della chiesa, ed ecco lì Lorenzo. E’ su un piccolo palchetto allestito per i bambini nel cortiletto dei giochi, con attorno un piccolo manipolo di genitori in attesa che i bimbi escano dalle aule accompagnati dalle maestre per poter conoscere Jovanotti.


Sono euforica e costringo Tiz ad intrufolarsi con me di nascosto. Superiamo i cancelli e ci mimetizziamo tra i genitori, tiro fuori la fotocamera e Lorenzo subito mi blocca.
«No» mi dice, «le foto le facciamo dopo. Intanto che aspettiamo però vi racconto una storia». Si siede con le gambe a penzoloni dal palchetto e comincia il racconto con noi ed i genitori che pendiamo letteralmente dalle sue labbra.
Racconta una storia strana su di una gallina, una gallina bianca che sta per essere mangiata ma prima di arrivare al patibolo compie un sacco di imprese mirabolanti e ai limiti dell’intelligenza.


Io ascolto con attenzione cominciando a sospettare che la storia sia un tantino senza senso.
Alla fine del racconto Lorenzo sorride e domanda direttamente a me: «Allora, l’hai capita la morale di questa storia?».

A quel punto mi sveglio, con la domanda che ancora mi rimbomba nel cervello e come un lampo, in pieno sonno, mi arriva anche la risposta. La morale è che  per quanto un racconto possa essere inutile, senza senso, che sfida l’intelletto umano e dal finale talmente complicato da non esprimere nessun tipo di morale, se viene narrata da una faccia famosa gli ascoltatori crederanno sia una delle storie più belle mai raccontate.

2 commenti:

  1. Perchè i miei sogni non istruiscono mai così? E soprattutto, perchè non hanno come sottofondo la canzoni di Jovanotti? Manderò una petizione al mio subconscio.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha! E' un sogno strano anche per i miei standard, fidati. Ed io sono una che di cose bizzarre ne sogna parecchie... XD

      Elimina