4.16.2014

Caccia alle Balene: abolita!

Come se si trattasse di uno storico Pesce d’Aprile, il primo di Aprile di quest'anno la Corte di Giustizia Internazionale dell’Aja ha finalmente dichiarato che la caccia alle balene, operata dal Giappone in Antartide, non ha nulla di scientifico.

Ci sarebbe da festeggiare visto che adesso la caccia alle balene è permessa solo e soltanto a scopi scientifici e che, è stato reso certo, quella compiuta dal Giappone fino al mese scorso non lo era. Un vero successo per gli ambientalisti che si battevano da anni per arginare la grande mattanza di questa bellissima e delicata specie, un passo in più per la lotta degli animalisti invece, che protestano ancora contro la vivisezione e le pratiche di ricerca sugli animali e chiedono che la caccia alle balene sia vietata per qualunque motivo.
Resta comunque un grande traguardo per l’ecosistema. Grandi organizzazioni si sono battute strenuamente per anni contro il modo di operare del Giappone, il prossimo traguardo sarà quello di arginare la mattanza dei delfini, ma ci tengo a lasciarvi una riflessione: ci stiamo battendo strenuamente contro le mattanze mondiali, ma chi fermerà l’Italia dalla mattanza degli agnelli pasquali che sta avvenendo proprio in questi giorni? E si, è una tradizione, potrebbe dire qualcuno, ma non era anche tradizione in Giappone quella di mangiare in dati periodi carne di balena o delfino?
Io non sono cattolica, ma una parabola del Vangelo che ho fatto mia per la vita dice: Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non t’accorgi della trave che è nel tuo? [Luca 6,39-42]


Resta comunque un grande traguardo per Madre Terra. 

Fonte: Greenpeace

Nessun commento:

Posta un commento