7.14.2014

Rosolatura a fuoco lento: l’invidia.

A distanza di settimane ancora non riesco a crederci: ho appena firmato il mio primo contratto editoriale e prego la Grande Dea ed il Dio di aiutarmi a percorrere questo sentiero sconosciuto, di cui non riesco a ancora a scorgere i pericoli e le difficoltà, ma sono sicura che ci sono. In compenso mi hanno dato l'indispensabile appoggio di Tiz e per adesso, ho la bellissima visuale su un frutteto colorato.
Non ho ancora pubblicato il mio libro ma già ho individuato un paio di sguardi invidiosi. Come al solito l’invidia altrui non mi tange, ne mi spaventa.
Forse certe persone sono per natura invidiose degli altri, o forse avevano il mio stesso sogno e non lo hanno mai voluto ammettere. Forse alcuni lo sono perché avevano un sogno e non sono riusciti a realizzarlo e si dice che nel tempo, un sognatore non realizzato, diventi cinico e scontroso.
Il Dio e la Dea mi hanno insegnato a prendere la vita per ciò che mi da, senza chiedere mai troppo, facendo sempre del mio meglio e affrontando i momenti brutti e difficili con forza e non fossilizzandomi mai, ma tenendo la mente proiettata sempre verso il nuovo, sempre verso qualcosa da sapere, qualcosa da imparare, qualcosa da mettere in saccoccia. Non ricordo di aver mai avuto paura di affrontare la vita io. Mi sono sempre buttata, ci ho sempre provato, ci ho sempre creduto. In tutto ciò che ho fatto non si può certo dire che non ci abbia messo anima, corpo e attenzione. Ho capito che qualche volta ti può andare bene e qualche volta no. Qualche volta puoi sentirti deluso e demotivato, ma qualche volta ti può anche capitare di camminare su una nuvola… e dopo tante batoste adesso tocca a me camminare su quella nuvola bianca e soffice e non mi farò di certo spaventare o demotivare da qualcuno.

Siete invidiosi? Bè, ve lo dico alla Mary Read: rodetevi il culo!

4 commenti:

  1. Risposte
    1. Forse Mary non lo ha mai detto "rodetevi il culo" ma sono sicura che sarebbe nel suo stile. XD

      Elimina
  2. L'invidia è una strana cosa. Prende forza dalla mancanza di coraggio. C'è chi dice che gli invidiosi andrebbero compianti, forse chi l'ha detto ha ragione, ma io mi trovo meglio a ignorarli.
    La compassione è un sentimento e come tutti gli altrui sentimenti dobbiamo meritarceli. Gli invidiosi fanno solo perdere tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente e pienamente d'accordo!

      Elimina